La ricetta per una pizza perfetta!

In questo articolo, non ho la pretesa di insegnarvi la miglior ricetta, per la miglior pizza ma voglio solo dare a chi mi legge, un punto di partenza, una ricetta e un modo di operare standard, che vi permetterà di realizzare, col vostro fornetto, ottime pizze da offrire ad amici e parenti, posso dirvi per esperienza che sarete in grado di accontentare, fino a 20 persone con un unico fornetto.

Questa semplice guida, sarà in grado di aiutarvi, anche a recuperare uno punto di ripristino, infatti vi capiterà, di provare la ricetta di qualche trasmissione culinaria o di qualche famoso pizzaiolo (lo dico per esperienza) e può succedere che un paio di insuccessi vi demoralizzino, allora sarà sufficente ricominciare da capo, con una pizza standard, per recuperare il vostro amore per la pizza e il sorriso dei vostri amici.

Ingredienti per 6/7 pizza margherita

  • 1 Kg di farina
  • lievito di birra secco
  • 2 cucchiai di olio di oliva
  • 25 gr di sale
  • acqua q.b.
  • 300 ml di passato di pomodoro
  • 400 gr di mozzarella

Passate le due ore dividete l’impasto in palline da 200 – 240 grammi a seconda di quanto vi piace sottile o grossa la pizza, si consiglia ai più inesperti di iniziare con pizze più grosse e poco condite per evitare di forare l’impasto o di debordare col condimento.

Mettete le palline in un contenitore apposito o in un contenitore che vi permetta di tenerle scostate l’una dall’altra, chiudetele con l’apposito coperchio o dentro una sportina di plastica e mettetele nel posto prescelto per la lievitazione.

Fate lievitare le palline dalle 2 alle 4 ore a seconda della temperatura e delle vostre esigenze poi cliccate su come si usa e mettete in funzione il vostro nuovo fornetto.

11 commenti
  1. massimo trevia
    massimo trevia dice:

    p.s.:dimenticavo che, a differenza del pepe,cipolla rosmarino e prezzemolo li si deve mettere a cuocere insieme alla farinata:non “al momento”.

    Rispondi
  2. massimo trevia
    massimo trevia dice:

    Salve,volevo contribuire all’argomento sui tempi per la farinata, visto che la Liguria da generazioni e’ la mia terra e come io amo la pizza sono contento che altri amino la farinata! Bene,io consiglio di lasciarla riposare prima di cuocerla anche 6 ore:infatti da bambino la mangiavo con gusto ma mi veniva l’acidità’ di stomaco ogni volta che la mangiavo.Poi ebbi il dubbio che dipendesse appunto dai tempi e provai a lasciarla ferma 2 ore:idem….allora provai a lasciarla 6 ore e l’acidità’ di stomaco finalmente non mi venne piu’! Inoltre,a parte il condimento con solo pepe, che e’ quello forse originario ed e’ diventato quello tipico di Genova,ne esistono altri che sono tipici ,e ve li dico:col prezzemolo(se ricordo e’ tipico di Savona),con la cipolla ,in genere a rondelle tipico di Imperia,col rosmarino che non ricordo piu’ di dove sia tipico; poi,comunque,ad esempio a Savona trovate una grande varietà’ di condimenti ,oltre alla farinata”bianca”con la farina di grano:alla salsiccia, coi gianchetti,ecc.,ma non saprei quanto siano “tradizionali”.io so solo quelli detti prima.E se mi spedite iformazioni per acquistare” illillo extreme” vi ringrazio.Un saluto.

    Rispondi
  3. Mario
    Mario dice:

    Buongiorno, ho visto che il fornetto Standard è esaurito. Volevo sapere gentilmente se e quando sarà nuovamente disponibile. Volevo anche chiedervi se avete in programma la vendita dell’Extreme con un regolatore della potenza.
    Grazie e saluti,
    Mario

    Rispondi
    • Emanuele Linari
      Emanuele Linari dice:

      Ciao, purtroppo stiamo riscontrando difficoltà produttive a causa della situazione attuale e non riusciamo per ora a fare più di così, non so quando riusciremo a tornare con lo standard disponibile.

      Ciao
      Lillo

      Rispondi
  4. Giovanni Casaccia
    Giovanni Casaccia dice:

    Buongiorno.
    Sono in attesa di ricevere il fornetto extreme, il mio nr. di ordine è il 8529. Potrei aggiungere all’ordine anche la pala in legno da € 10??? In tal modo, egoisticamente risparmierei una doppia spedizione.
    Resto in attesa di un vostro riscontro e vi saluto con stima.

    Rispondi
  5. Cristina
    Cristina dice:

    Buonasera, ma non ci sono rivenditori in giro per l’Italia ( Piemonte)? Possibile che si debba aspettare fino a maggio? Ho fatto la ricerca già un po’ di tempo fa, perché m’interesserebbe regalare questo articolo a una cara persona per il 20 marzo, ma il destinatario stesso, ho scoperto, aveva già fatto la ricerca e tenderebbe ad arrendersi o a orientarsi su altro, visto i tempi! Siamo a Torino, grazie!

    Rispondi
    • Emanuele Linari
      Emanuele Linari dice:

      Ciao, mi dispiace ma siamo una piccolissima azienza che si ritrova a gestire numeri fuori dalla nostra portata e anche se abbiamo aumentato notevolmente la produzione ora ci troviamo con 2 mesi di prenotazioni da evadere ecosì nascono i 2 mesi di attesa.

      Ciao
      Lillo

      Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.